Torna a Eventi FPA

Programma Congressuale

Torna alla home

  da 09:30 a 11:30

Un nuovo smart public procurement : opportunità, ostacoli, esperienze innovative [ c.02 ]

E’ opinione diffusa che l’innovazione della Pubblica Amministrazione non può compiersi senza grandi e complessi interventi che prevedano non nuove leggi, ma il re-engineering dei processi, il ripensamento dei modelli organizzativi, la gestione del cambiamento.

Grandi progetti  sono di fronte al Paese e sono ormai improcrastinabili sia per la qualità della vita dei cittadini, sia per l’impulso che potrebbero dare allo sviluppo economico. Sono dossier quali, a titolo d’esempio, il fascicolo sanitario elettronico, la gestione integrata dei database e il consolidamento dei datacenter, la gestione della business continuity, la dematerializzazione dei flussi documentali, lo scambio di dati tra le amministrazioni in ottica cloud computing, la giustizia digitale, la digitalizzazione delle scuole e della didattica, ecc.

Di fronte a queste sfide le strutture di procurement delle amministrazioni appaiono drammaticamente inadeguate e non riescono né dal lato della domanda, né tantomeno da quello dell’offerta a cogliere le potenzialità dell’innovazione. Le gare di appalto diventano bizantini tatticismi per ridurre le possibilità di ricorsi e per tutelare le responsabilità di operatori pubblici, in genere tecnicamente deboli, di fronte alla Corte dei Conti, con un’attenzione molto minore alla qualità. Alle aziende più preparate e con maggiori esperienze, anche internazionali, non viene data poi la possibilità, con l’uso diffuso e intelligente del dialogo precompetititvo, di dire la loro in quella delicata fase che trasforma il bisogno in una domanda esplicita e la struttura in un capitolato.

Il convegno parte da questo stato di cose per chiedersi come la PA possa comprare innovazione, divenendo così un potente driver in grado di orientare la politica industriale del Paese.

Programma dei lavori

Chairperson

Dotto
Intervento di Sante Dotto a FORUM PA 2014
Sante Dotto Direttore Progetti per la PA, - Consip Biografia Vedi atti Guarda il video

Entrato in Consip nel marzo 1998 al momento della nascita della società, ha fatto parte del team di Dirigenti che ha gestito lo start up dell’azienda. Con il consolidamento della struttura organizzativa ha assunto gli incarichi di Direttore operazioni e Direttore organizzazione e risorse umane e poi di Direttore pianificazione. Successivamente ha ricoperto l’incarico di Direttore sistemi informativi, con la responsabilità di sviluppare e gestire i sistemi informativi di funzionamento del Ministero dell’Economia e delle Finanze e di curare lo sviluppo di iniziative progettuali per le pubbliche amministrazioni. A seguito della ridefinizione del ruolo della società, da luglio 2013 ha assunto l’incarico di Direttore progetti per la PA, con la responsabilità di dare supporto alle pubbliche amministrazioni che, attraverso specifici disciplinari o in virtù di provvedimenti di legge o atti amministrativi, si avvalgono di Consip per la gestione dei loro processi di approvvigionamento e più in generale per la realizzazione di progetti di innovazione. Precedentemente ha lavorato nella Direzione commerciale banche della IBM Italia con livelli crescenti di responsabilità e di relazione con il management dei clienti, coordinando i team commerciali ed i progetti su primari istituti bancari tra cui Banca d’Italia, gruppo Banca di Roma, Banca Nazionale del Lavoro, Istituto Mobiliare Italiano. Nato a Pavia il 4 luglio 1956, sposato e con un figlio, ha conseguito nel 1980 la laurea con lode in Ingegneria presso l’Università degli Studi di Roma.

Chiudi

Intervengono

Turatto
Intervento di Renzo Turatto a FORUM PA 2014
Renzo Turatto Docente di Innovazione Tecnologica ed e‐government nella PA - SNA Biografia Vedi atti Guarda il video
Da giugno 2012 è docente presso la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione.
E’ stato professore di microeconomia, politica monetaria, politica industriale all’Università degli studi di Udine e ha insegnato scienza delle finanze alla Luiss di Roma.
Nel 1991 ha vinto il Premio Tarantellidedicato agli studi di economia del lavoro.

Chiudi

Atti di questo intervento

02_c_02_turatto_stefano.mp3

Chiudi

Radaelli
Intervento di Cristiano Radaelli a FORUM PA 2014
Cristiano Radaelli Presidente - Anitec Biografia Vedi atti Guarda il video

Mi sono laureato in Ingegneria Nucleare con specializzazione elettronica al Politecnico di Milano e ho poi frequentato con successo Amministrazione e Gestione Aziendale presso la Divisione Master dell’Università Bocconi.

Presidente di Anitec, l’associazione italiana dell’industria dell’Informatica, Telecomunicazioni and Elettronica di Consumo, sono stato eletto nel novembre 2010 e recentemente confermato all’unanimità fino a dicembre 2016. Da giugno 2011 sono Vice Presidente di Confindustria Digitale, la federazione costituita per rappresentare la filiera dell’ICT all’interno di Confidustria.

Sono Membro dell’Executive Board di Digital Europe, l’associazione che rappresenta i produttori ICT presso la Comunità Europea e Membro dei gruppi di lavoro del Board dedicati alla strategia e alla gestione operativa.

Ho iniziato la mia carriera in GTE Telecomunicazioni, proseguendo il percorso professionale in Siemens, Italtel e Nokia Siemens Networks, con ruoli di responsabilita’ globali in Ricerca e Sviluppo, Operations, Marketing, Vendite, Business Administration e Controllo di gestione. Ho risieduto per diversi anni negli Stati Uniti.

Scrivo articoli su aspetti economici, manageriali e relativi all'agenda digitale.

Sono stato per quattro anni Vice Presidente dell’Associazione dei Volontari Donatori del Sangue di Milano. Ho ricevuto dal Presidente della Repubblica Italiana la Stella al merito del Lavoro e sono Cittadino Benemerito di Sesto San Giovanni (Mi). Nel corso del 2010 sono stato insignito del premio “Milano Produttiva”.

Chiudi

Atti di questo intervento

03_c_02_radaelli_cristiano.mp3

Chiudi

Tomasini
Intervento di Stefano Tomasini a FORUM PA 2014
Stefano Tomasini Direttore Centrale - Direzione Centrale per i Servizi Informativi e Telecomunicazioni - INAIL Biografia Vedi atti Guarda il video

È responsabile del sistema informatico e di telecomunicazione aziendale e dello sviluppo del sistema informativo aziendale, dell'integrazione con gli altri sistemi della pubblica amministrazione, dei rapporti telematici e dell'evoluzione degli strumenti tecnologici per la reingegnerizzazione dei processi produttivi. È responsabile di tutte le attività volte a gestire, garantire e verificare la trasmissione dei dati o l’accesso diretto agli stessi da parte delle amministrazioni procedenti (art.15 Legge 183/2011).

Chiudi

Atti di questo intervento

04_c_02_tomasini_stefano.mp3

Chiudi

Bedin
Intervento di Sara Bedin a FORUM PA 2014
Sara Bedin Esperto della Commissione Europea, del MIUR e MISE in materia di innovation procurement Biografia Vedi atti Guarda il video

Sara Bedin si è laureata in Economia presso l’Università L. Bocconi di Milano, con pieni voti assoluti e lode. 

Dal 2002 si occupa dell’ammodernamento, della progettazione, implementazione e valutazione delle politiche pubbliche per l’innovazione (a livello locale, nazionale ed europeo), oltre che del processo di miglioramento della qualità dei servizi pubblici e di ottimizzazione degli investimenti e della spesa in ottica di whole life-cycle cost, per mezzo della qualificazione degli appalti in chiave innovativa.

E’ riconosciuta a livello europeo come esperta in materia di procurement pubblico di innovazione, di cui affronta gli aspetti economici e legali, esprimendo una competenza distintiva sui razionali e sui profili di differenziazione con gli strumenti di finanziamento e di partenariato pubblico-privato.

Tra il 2008 e il 2012, in raccordo con la Commissione Europea, ha supportato la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per la Digitalizzazione e l’Innovazione tecnologica nella definizione dell’indirizzo nazionale e degli strumenti operativi per l’attuazione degli appalti pubblici pre-commerciali di ispirazione europea.

Nel 2013-2014 ha affiancato il MIUR, in qualità di esperto indipendente, nella progettazione della misura nazionale di promozione dell’appalto pre-commerciale e nella valutazione dei fabbisogni di innovazione delle Regioni Convergenza in risposta al D.D. 437 del 13/03/2013.

A livello europeo ha svolto l’attività di valutatore e revisore di progetti di R&S presentati/finanziati in risposta alle call del FP7 e di Horizon 2020.

Ha partecipato attivamente, apportando pareri tecnici, alle consultazioni della Commissione Europea sulla riforma del Regolamento sugli Aiuti di Stato per la R&S e sulle Direttive sugli Appalti (2014).

Oltre al contributo in termini di policy setting, sta affiancando dal 2008 oltre quaranta importanti amministrazioni pubbliche, italiane ed europee, nel processo di riqualificazione ed ottimizzazione della spesa, mediante la progettazione ed implementazione di appalti pubblici pre-commerciali e di innovazione (nei settori della sanità, dell’istruzione, dell’ambiente, dell’ICT, dell’edilizia pubblica, delle utilities…), riconosciuti come best practices a livello europeo.

Ha svolto e svolge attività di ricerca (per la Commissione Europea e in collaborazione con l’Innovation Policy U.S. Small Business Administration – Washington), di aggiornamento professionale, docenza post-universitaria e partecipa, come (primo) relatore in materia di procurement pubblico di innovazione, ai principali eventi europei.

Collabora, come esperto in materia di appalti e di innovazione tecnologica, con studi legali in Italia  e all’estero, oltre che con primarie società di consulenza.

E’ Presidente del Comitato Consultivo della Unità scientifica politiche industriali, innovazione e trasferimento tecnologico dell’INAF e consigliere esecutivo di EuroCloud Italia.

Chiudi

Piga
Intervento di Gustavo Piga a FORUM PA 2014
Gustavo Piga Ordinario di Economia Politica - Università degli Studi di Roma Tor Vergata Biografia Vedi atti Guarda il video

Attualmente è professore ordinario di Economia politica presso l'Università degli studi di Roma Tor Vergata. Si specializza a lungo all' estero, soprattutto negli Stati Uniti.

Nel 1996 consegue il PhD in Economia presso la Columbia University. Nel 1997-98 è stato titolare del corso Accounting and Finance presso il Department of Economics della Columbia University.

Particolare attenzione è dedicata nella sua produzione scientifica ai temi della Gestione del debito pubblico, Politica monetaria, Teoria degli appalti.

È direttore responsabile della Rivista di Politica Economica, esperto OCSE Appalti e Trasparenza, Membro del Gruppo di Esperti del Progetto Aumentare l'impatto degli appalti pubblici sugli investimenti privati in ricerca sviluppo ed innovazione Commissione Europea DG Ricerca, Membro del Comitato Scientifico EuroMTS e Fondazione Luigi Einaudi, Associate Editor, Applied Economics e Journal of Public Procurement.

Tra le sue numerose opere, va menzionata Handbook of Procurement, con N.Dimitri e G.Spagnolo, 2006 Cambridge University Press. Nel 2002 è stato Presidente senza deleghe operative della Consip spa.

Chiudi

Speed Speech

Lazzaro
I Centri interservizi del Ministero degli Affari Esteri

Francesco Lazzaro, Dirigente del Centro interservizi di Bruxelles del Ministero degli Affari Esteri, invitato a partecipare al Convegno “Un nuovo smart public procurement : opportunità, ostacoli, esperienze innovative”, illustra la soluzione I Centri interservizi del Ministero degli  Affari Esteri anche CIA.

Strutture deputate al coordinamento gestionale delle Sedi poste all’interno di un’area omogenea e determinata. Tali strutture si pongono a un livello intermedio tra gli Uffici all’estero e la Farnesina, espletando una continua opera di raccordo che favorisce il superamento dei problemi e rafforza lo scambio informativo.

La soluzione è una delle 15 selezionate, in base all'attinenza al programma congressuale di FORUM PA 2014, tra quelle giunte in risposta alla call "Prendiamo impegni, troviamo soluzioni".

Francesco Lazzaro Dirigente del Centro interservizi di Bruxelles - Ministero degli Affari Esteri Biografia Vedi atti Guarda il video

Laurea in Giurisprudenza e Scienze Politiche all’Università di Genova, dottorato di ricerca in Diritto Amministrativo all’Università di Milano, a seguire abilitazione all’esercizio della professione di avvocato e all’insegnamento di materie giuridiche ed economiche
Dopo essere stato capo della sezione personale civile presso il Comando servizi base, La Spezia, è stato allievo del IV corso-concorso di formazione dirigenziale della Scuola superiore della pubblica amministrazione. Tirocinio dirigenziale pre-posting per la rappresentanza permanente presso l´O.N.U. e le organizzazioni internazionali. Capo della sezione legale, ordinamento e contenzioso del Comando in capo del dipartimento militare marittimo dell´Alto Tirreno, La Spezia, è stato consigliere ministeriale assegnato alla Direzione generale per l´amministrazione, l´informatica e le comunicazioni del Ministero degli Affari Esteri ed infine ne è divenuto dirigente.

 

Chiudi

Atti di questo intervento

05_c_02_lazzaro_francesco.mp3

Chiudi

Torna alla home