Torna a Eventi FPA

Programma Congressuale

Torna alla home

  da 14:30 a 15:30

…non solo previdenza [ ws.155 ]

Politiche di intervento in favore dei propri utenti, azioni a favore del soggetti non autosufficienti - Il Progetto “Home Care Premium”

Lo scopo del progetto è stato quello di rispondere ad una esigenza correlata alle necessità delle persone in condizioni di non autosufficienza, le cui risposte sono troppo spesso rappresentate da ricoveri ospedalieri e interventi dei servizi sociali territoriali, spesso insufficienti, nonché da servizi acquistati direttamente dal cittadino sul libero mercato.

La scarsità di risorse pubbliche, l’incremento della popolazione anziana, i mutamenti sociali e della rete familiare sono stati gli oggettivi fattori che hanno spinto l’istituto ad intervenire nell’ambito dell’assistenza domiciliare individuando un modello prestazionale innovativo e costituito non da un singolo beneficio predefinito ma da una pluralità di servizi determinati sulla base delle esigenze del singolo utente a seguito di una puntuale valutazione multidimensionale del bisogno assistenziale di ciascuno. Nella valutazione, infatti, si tiene conto non solo del grado di autosufficienza ma anche delle risorse, effettive o potenziali, di supporto, abitualmente impiegate nelle funzioni assistenziali quotidiane.

Attraverso la realizzazione di questo progetto, di valenza nazionale, che vede coinvolti circa 400 ambiti sociali convenzionati, assistenti sociali, case manager, assistenti familiari, ed un numero di beneficiari, attualmente paria a circa 20.500, che andrà ad incrementarsi, nel corso dell’anno, si è fornita una risposta che, per grandezza, affianca, integrandoli significativamente, gli interventi posti in essere dai competenti soggetti istituzionali sull’assistenza domiciliare.

Il Progetto è una testimonianza positiva che ha l’ambizione di documentare come, nel sistema welfare, alcune problematiche possano essere affrontate attraverso l’utilizzo di modelli gestionali integrati ed economicamente sostenibili.

 

Politiche di intervento in favore dei propri utenti, azioni a sostegno della formazione universitaria, post universitaria e professionale con specifiche caratteristiche qualitative e finalizzata ad una elevata opportunità occupazionale

 

Ad una delle prime forme di prestazione erogate dell’Istituto, consistenti in borse di studio in favore degli studenti delle scuole secondarie, tutt’ora erogate, il catalogo delle prestazioni si è implementato attraverso l’accreditamento di soggetti pubblici e privati che proponevano offerte formative di significativa rilevanza.

E’ proprio in continuità a tale programmazione e grazie all’esperienza maturata e all’esigenza sempre più attuale di far sì che le conoscenze acquisite da parte dei giovani beneficiari possano essere rispondenti alle esigenze del mercato del lavoro, che l’Istituto, nel rileggere come opportunità l’attuale non favorevole congiuntura economica e sociale, intende rinnovare, integrandola, l’offerta formativa convenzionata e, in particolare, si accinge a modificare sia i criteri di selezione dei beneficiari che i prodotti formativi proposti.

L’accesso alle prestazioni, prevalentemente basato su valori reddituali, dovrà integrarsi con criteri meritocratici, ma, soprattutto, dovranno essere preventivamente identificati quei fabbisogni formativi che, sulla base delle rilevazioni statistiche e delle analisi sul mercato del lavoro, possano offrire una oggettiva “spendibilità” del titolo conseguito.

L’obiettivo, che l’Istituto si è posto, è che le risolse impiegate siano volte a far sì che i titoli universitari e post universitari non servano ad implementare solo un curriculum vitae ma rispondano a competenze professionali spendibili nel mercato del lavoro, non da ultimo, rivolgendo l’attenzione anche a progetti di formazione strettamente connessi ad attività del terziario che possano rappresentare per i giovani la concreta possibilità di creare, imprenditorialmente, nuovi posti di lavoro.

Programma dei lavori

Nicoletti
Non solo Previdenza

Le politiche d’intervento a favore di soggetti non autosufficienti e a sostegno della formazione universitaria e professionale, sono stati gli argomenti salienti oggetto del seminario “...Non solo Previdenza”, organizzato all’interno dello stand Inps al Forum PA 2014. Da Nicoletta Nicoletti, dirigente dell’Area Ricerca, sviluppo, innovazione e sperimentazione delle attività creditizie e sociali della Direzione Centrale Credito e Welfare, è stata illustrata l’attuazione del progetto che ha coinvolto sul territorio nazionale circa 400 ambiti sociali convenzionati, assistenti sociali e familiari, case/care manager e circa 20.500 beneficiari, di cui si prevede un incremento nell’anno in corso, affiancandosi quale integrazione significativa agli interventi attuati dai soggetti istituzionali preposti all’assistenza domiciliare. Secondo Nicoletti “Home Care Premium” è la testimonianza concreta e positiva di come nel sistema welfare, utilizzando modelli gestionali integrati, basati su un’economia sostenibile, si possono trovare soluzioni ai problemi anche di coloro che non sono «né troppo poveri per accedere alle prestazioni, né troppo ricchi per pagarsele privatamente», con riferimento ai dipendenti e pensionati pubblici e loro coniugi e familiari.
Il catalogo Home Care Premium comprende prestazioni prevalenti di supporto, aiuto e integrazione con una misura economica erogata, previo contratto di lavoro formalizzato presso l’assistito e di prestazioni integrative come frequenza presso un centro diurno, trasporto persona, consegna pasti a domicilio, ausili o domotica. Tale diversificazione di prestazioni è determinata dalla volontà di offrire una pluralità di servizi e possibilità di scelta rispondenti ai bisogni della persona. "Per il 2014 – ha sottolineato Nicoletti – ci sono alcune novità attraverso la rimodulazione della residenza assistita integrata con la realtà delle Case famiglia, seguendo la filosofia di privilegiare la residenzialità rispetto all’ospedalizzazione, che consente di ridurre costi dovuti al ricovero oltre a migliorare lo stato psicologico della persona con l’assistenza presso la propria abitazione".

Nicoletta Nicoletti Direzione Centrale Credito e Welfare - INPS Vedi atti

Atti di questo intervento

nicoletti_maggio2014.pdf

Chiudi

Torna alla home