Torna a Eventi FPA

Programma Congressuale

Torna alla home

  da 15:00 a 18:00

Dal governo con la rete allo stato partner: favorire la collaborazione e la partnership tra i diversi attori sociali, economici, culturali e istituzionali [ d.04 ]

Nel panorama della pubblica amministrazione stanno sorgendo nuovi modelli di gestione e policy making. Un fenomeno che al momento è caratterizzato da forte spontaneità e mancanza di visione sistemica, ma che è sintomo evidente di una fortissima vitalità. Città e territori sono diventati fucine di innovazione: dal welfare sussidiario, alla mobilità, dalle soluzioni per la salvaguardia dell’ambiente e la sostenibiltà energetica al ritorno della produzione artigiana attraverso i fab lab, dai social network di prossimità alla gestione innovativa dei beni comuni. Stiamo assistendo alla nascita di un government del futuro e, anche se non sappiamo bene che forma avrà, possiamo creare un quadro di riferimento corerente a livello nazionale per comprenderlo meglio e cercare di portarlo a sistema. Il key note di W.D. Eggers fornirà la cornice attraverso cui si snoderà il dibattito.

Programma dei lavori

Introduce

Dominici
Intervento di Gianni Dominici al convegno "Dal governo con la rete allo stato partner: favorire la collaborazione e la partnership tra i diversi attori sociali, economici, culturali e istituzionali"
Gianni Dominici Direttore Generale - FPA Biografia Vedi atti Guarda il video

Laureato in Sociologia, nel 1985 è socio fondatore dello Studio Gris, nato su iniziativa di un gruppo di professionisti impegnati a valutare le implicazioni di natura sociale ed economica delle attività di governo, di progettazione e di valutazione degli interventi nelle aree urbane e rurali. Nel 1991 riceve l’incarico, da parte della Fondazione CENSIS, di coordinare le attività dell’Associazione RUR nata su iniziativa della Fondazione con la finalità di elaborare e sostenere proposte innovative per le trasformazioni delle città e del territorio. Dal 1993 ha introdotto all’interno dell’associazione un nuovo campo sistematico di analisi ed intervento relativo allo sviluppo delle tecnologie telematiche nello sviluppo territoriale. Tra il 1997 e il 1998 ha lavorato alla Commissione Europea (DGXXIV) come esperto nel campo delle implicazioni sociali dello sviluppo delle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione. Dal primo gennaio 1999 a settembre 2007 è responsabile del settore Processi Innovativi della Fondazione Censis. In questo ruolo ha diretto numerose ricerche nel campo nella Società dell’Informazione e gestito progetti di telematica applicata. Dal primo gennaio 2001 al maggio 2006 ha assunto anche l’incarico di amministratore delegato di Atenea, una società di formazione in rete sui temi dell’innovazione e della tecnologia. Nel settembre 2007 è diventato vicedirettore generale di FORUM PA. Da gennaio 2010 ne è Direttore Generale.

Chiudi

Atti di questo intervento

01_d_04_dominici_gianni.mp3

Chiudi

Keynote

Eggers
Solution Revolution

Lavorando al modello del “Governare con la rete” ci siamo resi conto che la questione centrale per la pubblica amministrazione era individuare il modo migliore per produrre maggior valore possibile, trovandosi di fronte a un problema da risolvere o a un servizio da erogare. Il modello emergente era dunque finalizzato a raggiungere e coinvolgere il non profit e i fornitori, creando e mantenendo la struttura di una rete per la produzione di valore pubblico. La PA era essenzialmente al centro dell’ecosistema, ovvero della rete. La PA era il “convenor”, il soggetto legittimato a convocare, integrare e coordinare: era il grande ombrello. Quello che è cambiato da allora è che spesso ora vediamo organizzazioni, fondazioni e imprese sociali o grandi aziende - Coca cola, Unilever e molte altre - al centro del processo di soluzione del problema. Questo significa che non è più necessariamente il governo, nazionale o locale,  a guidare il processo. Nel keynote “Solution Revolution" numerosi casi in cui organizzazioni diverse dalla PA hanno creato una sorta di ecosistema per risolvere un dato problema.

William D. Eggers Research Director, Public Sector Industry - Deloitte Biografia Vedi atti Guarda il video

William Eggers ê un autorevole esperto di pubblica amministrazione è Direttore della Deloitte Research (Settore pubblico) e Senior fellow del  Manhattan Institute for Policy Research.

Ha scritto otto libri tra cui "Governare con la rete"  pubblicato in italiano dall'Istituto Bruno Leoni così introdotto:"Liberalizzare i servizi pubblici locali: da quanto ne sentiamo parlare? Il problema è la ridefinizione dei compiti e del ruolo del settore pubblico. Anche in Italia le cose stanno cambiando. Bisogna ripensare il modo in cui si segna il confine fra pubblico e privato. Dagli Stati Uniti ci arriva un importante insegnamento; da anni, quello che da noi è un processo ancora in via di consolidamento, in America è divenuto realtà. Stephen Goldsmith e William D. Eggers, in questo loro prezioso volume, ci guidano alla scoperta del “governo con la rete”. Ovvero, il passaggio da un sistema tradizionale di fornitura di servizi, basato sulla pubblica amministrazione e su gerarchie verticali, a uno "orizzontale", che lega assieme una pluralità di soggetti. Ma, in pratica, come è possibile offrire servizi contando su una squadra di operatori pubblici, privati e non-profit? E perché tale modello sarebbe da preferirsi a quello tradizionale? " 

Il suo ultimo libro, scritto insieme a Paul Macmillan è The Solution revolution: How Business, Government, and Social Enterprises are Teaming up to Solve Society’s Biggest Problems (Harvard Business Press, September 2013). (per approfondire leggi l'intervista "Solution Revolution: problemi al centro, soluzioni ovunque" su forumpa.it)

 

 

Chiudi

Chairperson

Bonaretti
Intervento di Mauro Bonaretti a FORUM PA 2014
Mauro Bonaretti Segretario Generale - Presidenza del Consiglio dei Ministri Vedi atti Guarda il video

Atti di questo intervento

03_d_04_bonaretti_mauro.mp3

Chiudi

Intervengono

Serracchiani
L'innovazione avvicina la politica ai cittadini, ma la tecnologia non basta

Facciamo fatica a innovare. Perché? Nel nostro paese “esiste prima di tutto un problema culturale” ha affermato Debora Serracchiani, Presidente della Regione Friuli-Venezia Giulia e Vicesegretario del Partito Democratico.

È ormai noto che investire in innovazione tecnologica è una priorità per l’intero Paese. Tuttavia molto spesso i cambiamenti in Italia sono costrizioni imposte da provvedimenti legislativi. Proprio perché questi cambiamenti non si riducano a un mero adempiere a condizioni esterne, c’è bisogno di una maturazione culturale.

Uno dei temi più caldi per il Paese è senza dubbio la formazione digitale. L’attuale disponibilità di tecnologie e strumenti sempre più sofisticati deve necessariamente accordarsi con competenze adeguate, dentro la pubblica amministrazione così come fuori (piccole e medie imprese, etc). I dati sulla alfabetizzazione digitale degli italiani, dentro la PA così come fuori, sono sconcertanti. Come è possibile mantenere alta la competitività di un Paese e sfruttare appieno i vantaggi di queste novità tecnologiche se non crescono di pari passo abilità e conoscenze capaci di interpretarle e guidarle?

Spesso in Italia si sbaglia perché ci si entusiasma anche trascurando la preparazione e l’esperienza, e si tenta di innovare con progetti che troppo frequentemente si rivelano essere degli spot, effimeri e incapaci di attivare reali processi di cambiamento. “Manca un disegno d’insieme con delle lineee guida che vengano utilizzate in modo condiviso, anche a livello nazionale all’interno di tutte le pubbliche amministrazioni”.

Oggi l’innovazione tecnologica ci offre l’opportunità di essere sempre più vicini ai cittadini, e di rispondere in modo più adeguato ai loro bisogni. Tuttavia se l’uso di questi strumenti e le competenze che mettiamo in campo non maturano, le tecnologie in sé non potranno rappresentare un miglioramento né una reale innovazione nell’organizzazione del Paese.

Debora Serracchiani Presidente - Regione Friuli Venezia Giulia Biografia Vedi atti Guarda il video

Sono nata a Roma nel 1970 e da vent’anni vivo a Udine, con mio marito e i miei genitori, esercitando la professione di avvocato.

Dal 2006 al 2009 sono stata consigliere provinciale, eletta nel collegio di Udine 1, ricoprendo gli incarichi di vicecapogruppo e vicepresidente della commissione consiliare ambiente ed energia. Nel frattempo, a dicembre del 2008, sono stata eletta segretaria comunale del Partito Democratico di Udine.

Per me, la scena nazionale si apre il 21 marzo 2009 con un intervento tenuto all’assemblea dei circoli del PD a Roma, che diventa subito molto noto sui social media e sulla stampa anche internazionale. Da lì la candidatura e l’elezione al Parlamento Europeo, col sostegno di 144.000 preferenze.

Da deputata europea, sono stata componente effettiva della commissione trasporti e turismo e supplente nella commissione giustizia e libertà civili, ho seguito da relatrice dossier importanti sul sistema ferroviario europeo e mi sono occupata prioritariamente di infrastrutture, mobilità, parità di genere, lavoro. Ho sempre mantenuto il contatto con il mio collegio elettorale e con il territorio regionale attraverso frequentissimi incontri con le realtà produttive e istituzionali.

Accogliendo le richieste di tanti cittadini e forze politiche, il 21 luglio 2012 ho accettato di candidarmi alla presidenza della Regione Friuli Venezia Giulia e sono stata eletta presidente il 22 aprile 2013.

Chiudi

Atti di questo intervento

04_d_04_serracchiani_debora.mp3

Chiudi

Mastrobuono
Intervento di Luigi Mastrobuono a FORUM PA 2014
Luigi Mastrobuono Amministratore Delegato - ItaliaCamp Srl Biografia Vedi atti Guarda il video

Nato a Roma, laureato in giurisprudenza, sposato e padre di due figlie, Luigi Mastrobuono è Amministratore delegato di ItaliaCamp, associazione che promuove e sostiene l'innovazione sociale e che ha come obiettivo quello di contribuire attivamente allo sviluppo di una diversa coscienza partecipativa, attraverso un nuovo modello di coinvolgimento delle persone; individuare e sostenere la formazione di nuove leadership individuali e collettive che possano lavorare concretamente per il bene del Paese; e promuovere idee che mettano al centro il cittadino, nel rispetto dei principi di sostenibilità sociale, ambientale ed economica.

E' Direttore Generale di Confagricoltura dal 2011. E' stato Capo di gabinetto del Ministero dello sviluppo economico (2011), ma la sua carriera è iniziata nel 1983 come responsabile della Segreteria tecnica del Sottosegretario di Stato al Ministero dell’industria e poi alla Presidenza del Consiglio.

Ha esercitato anche gli incarichi di Segretario generale della Confcommercio, Segretario generale di Unioncamere, Presidente dell’Istituto per la Promozione industriale (IPI), Amministratore delegato di BolognaFiere Spa, Vicedirettore generale di Confindustria, Amministratore delegato di Fiera di Roma Srl, Capo Dipartimento per l’impresa e l’internazionalizzazione del Ministero dello Sviluppo Economico.

Nel 1995 è stato Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Industria, Commercio e Artigianato nell’esecutivo presieduto da Lamberto Dini.

Chiudi

Atti di questo intervento

05_d_04_mastrobuono__luigi.mp3

Chiudi

Arena
Processi concreti di amministrazione condivisa nelle nostre città

"Le pubbliche amministrazioni rispecchiano le società al cui interno operano e al cui servizio sono poste" inizia così l’intervento di Gregorio Arena durante il convegno "Dal governo con la rete allo stato partner". Osserviamo dunque l’amministrazione pubblica italiana perché questa riflette e racconta molto della nostra società.
Proprio per questo motivo anche la riforma dell’amministrazione pubblica deve rispettare e tener conto dei valori e delle esigenze della società. La nuova forma che l’amministrazione dovrà avere non può essere l’esito di un intervento meccanico, ma dovrà essere "in sintonia con le grandi tendenze di fondo della società in quel momento storico".

Non basta un insieme di provvedimenti per riformare la PA. Per costruire un progetto di società e riformare l’amministrazione pubblica è necessario cogliere le grandi tendenze che animano il momento storico in cui si vive. Oggi, una delle anime della riforma dovrà essere senz’altro la "condivisione". Ma perchè il concetto del "condividere" possa permeare la riforma della PA è richiesto un passaggio importante: "da io a insieme".

Saremo capaci di avviare processi concreti di amministrazione condivisa nelle nostre città? Forse è proprio intorno alla cura condivisa dei beni comuni che l’intero Paese può ritrovarsi e trasformarsi in un "Paese che fa manutenzione di se stesso".

Gregorio Arena Università di Trento, - Presidente LABSUS - Laboratorio per la sussidiarietà Biografia Vedi atti Guarda il video

È professore ordinario di Diritto amministrativo nell’Università degli Studi di Trento e professore incaricato presso la LUISS (Roma). Fulbright Scholar, Master of Law, 1974, Harvard Law School (USA).

E’ Presidente di Labsus, il Laboratorio per la sussidiarietà.

E' stato Coordinatore del Gruppo San Martino (Associazione fra gli studiosi italiani del Diritto pubblico, 1998-2004), Presidente dell’Opera Universitaria di Trento (1991-1993), Consigliere della Regione Trentino-Alto Adige e della Provincia Autonoma di Trento (1993-1996), Presidente nazionale di Cittadinanzattiva (2004-2007).

E’ presidente del Centro di documentazione sul volontariato, Roma (2011-).
E' socio dell’Associazione italiana dei professori di Diritto amministrativo, del cui Consiglio direttivo ha fatto parte dal 2000 al 2003. E’ membro del Comitato scientifico di Astrid (Associazione per gli studi e le ricerche sulle pubbliche amministrazioni) e del Consiglio scientifico di varie riviste, fra cui la Rivista di Diritto Pubblico, la Rivista Italiana di Comunicazione Pubblica, Impresa sociale e NonProfit. E’ membro dell’International Institute of Administrative Sciences e dell’Associazione Italo-Spagnola di Diritto amministrativo.

Ha coordinato un progetto di ricerca di interesse nazionale sulla democrazia deliberativa e partecipativa (2007-2010).

Ha avuto vari incarichi nelle istituzioni, sia locali sia statali, contribuendo fra l’altro alla redazione del regolamento sul diritto di accesso ai documenti amministrativi (Dpr n. 352/1992) e della “legge Bassanini” in materia di autocertificazioni (Dpr n. 403/1998). Ha fatto parte del comitato ristretto presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri incaricato della redazione del Testo Unico sulla semplificazione della documentazione amministrativa (Dpr n. 445/2000) e del Comitato-guida per la riorganizzazione del Ministero delle finanze e la realizzazione delle Agenzie fiscali (1999-2001).

Nella sua attività di ricerca, svolta guardando all’amministrazione per così dire “dalla parte dei cittadini”, ha affrontato inizialmente temi connessi con i profili organizzativi della pubblica amministrazione, anche di diritto comparato, per passare poi allo studio dei problemi riguardanti il procedimento amministrativo, approfondendo le tematiche connesse con la partecipazione e con la trasparenza amministrativa. Negli anni Novanta ha sviluppato nuove linee di ricerca riguardanti la comunicazione di interesse generale ed il rapporto fra i valori costituzionali e la pubblica amministrazione. Negli ultimi anni la sua attività di ricerca ha riguardato soprattutto il principio di sussidiarietà ed i suoi profili applicativi, con particolare riferimento al tema della cittadinanza attiva e della cura civica dei beni comuni.

Chiudi

Atti di questo intervento

06_d_04_arena_gregorio.mp3

Chiudi

Peri
Intervento di Alfredo Peri a FORUM PA 2014
Alfredo Peri Assessore Programmazione territoriale, urbanistica, reti di infrastrutture materiali e immateriali, mobilità, logistica e trasporti - Regione Emilia-Romagna Biografia Vedi atti Guarda il video

E' nato a Collecchio (Parma) nel 1957, dove ancor oggi risiede. Ragioniere, é stato prima consigliere comunale (dal 1985 al 1993), poi vice sindaco (dal 1993 al 1995) e infine sindaco (dal 1995 al 1999) di Collecchio. Presidente del Consorzio Parco Boschi di Carrega dal 1991 al 1999, ha coperto il ruolo di vicepresidente della Provincia di Parma dal 1999 al 2000, con delega alla Programmazione, Pianificazione territoriale e delle reti infrastrutturali, Trasporti e motorizzazione, Lavori pubblici, Bilancio.
Dal 2000 al 2005 é stato assessore alla Mobilità e Trasporti della Regione Emilia-Romagna; incarico che ha mantenuto nella passata legislatura 2005-2010, in cui é stato anche consigliere regionale.
Consigliere d'amministrazione della società Sapir (Porto Intermodale Ravenna) dal 2001 alla primavera del 2005, attualmente é presidente dell'associazione Federmobilità, forum per il governo regionale, locale e urbano della mobilità sostenibile.
Dal luglio 2010 é presidente dell'Agenzia interregionale per il fiume Po (Aipo), con scadenza del mandato a fine 2011.


 

Chiudi

Atti di questo intervento

07_d_04_peri_alfredo.mp3

Chiudi

Leonori
Intervento di Marta Leonori a FORUM PA 2014
Marta Leonori Assessore a Roma produttiva, innovazione tecnologica e reti informative - Roma Capitale Biografia Vedi atti Guarda il video

Marta Leonori è Commissario straordinario di FormezPA

    Nata a Roma nel 1977, laureata in Economia Aziendale ha conseguito un master in Innovazione e Management nelle Amministrazioni Pubbliche e ha vinto una borsa di dottorato in Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche.

    Dal 2001 ha lavorato nella Fondazione Italianieuropei, di cui è stata anche il direttore.

    Nel 2013 è stata eletta alla Camera dei Deputati e dal 2013 al 2015 è stata Assessore a Roma produttiva di Roma Capitale.

    Nel 2016 è stata consigliere del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione.

Chiudi

Atti di questo intervento

08_d_04_leonori_marta.mp3

Chiudi

Abate
Intervento di Pietro Abate a FORUM PA 2014
Pietro Abate Segretario Generale - Camera di Commercio di Roma Biografia Vedi atti Guarda il video

Laureato con lode in Scienze Politiche, è Segretario Generale della Camera di Commercio di Roma, dove è anche Conservatore del Registro delle Imprese, il primo in Italia per numero di imprese iscritte.

In qualità di esperto, è stato nel Consiglio d’Amministrazione di numerose società e organizzazioni attive a Roma nel campo della creazione d’impresa e dell’innovazione tecnologica (Tecnopolo S.p.A., BIC Lazio S.p.A., Fondazione Cinema per Roma, etc.).

Osservatore attento delle dinamiche socioeconomiche territoriali, ha curato la realizzazione di numerosi studi, tra cui la “Relazione annuale sulla situazione economica del Lazio”.

È autore del libro “Fare di Roma un capolavoro. La città come passione”, edito nel 2013 da Marsilio Editori S.p.A..

 

Chiudi

Atti di questo intervento

09_d_04_abate_piero.mp3

Chiudi

Sirgiovanni
Intervento di Erica Sirgiovanni a FORUM PA 2014
Erica Sirgiovanni FOGG | The Future of Government Group Vedi atti Guarda il video

Atti di questo intervento

10_d_04_sirgiovanni_erica.mp3

Chiudi

Torna alla home